top of page

Persia. Mille e un attimo intessuti di meraviglia

LOGO_Insplorers_Header.jpg
Sezione 1
Sezione 2

Teheran, Palazzo Golestan

Fath Ali Shah. 1797 d.C.

PLAY ME

Era situata nella regione di Media,

Mercato-di-Rialto_01.jpg
nella zona nord occidentale dell'Iran.
Al tempo dell'Impero di Mezzo, una parte del territorio della odierna Teheran era un sobborgo della importante città Mediana di Rhages, luogo menzionato come il XII luogo sacro. Il Palazzo Golestan, fu il primo complesso della dinastia Qajar, a Therean, la capitale dell'Iran. La Qajar era una dinastia reale iraniana di origine turca.
Mercato di Rialto_03.png
bollo_palladio-01.png

Questo palazzo era uno dei più antichi monumenti storici della città; apparteneva al gruppo degli edifici reali che, un tempo, erano inclusi nelle mura di fango e paglia della cittadella di Teheran, costituita da giardini, edifici reali e collezioni di artigianato iraniano. La cittadella fu costruita durante il regno di Tahmasp I e Agha Mohammad Khan, della dinastia Qajar, scelse Teheran come capitale, nel 1742. Il Palazzo Golestan divenne la residenza ufficiale della dinastia Qajar. Il complesso consiste di diciassette strutture,

inclusi palazzi, musei e sale. Nel 1747, un Trono di Marmo fu costruito con con sessanta cinque blocchi di pietra intagliati a forma di uomini, donne, fate e demoni. Anni più tardi, iniziò la costruzione del Balcone Reale del Trono di Marmo. Adornato da dipinti, incisioni di marmo, piastrelle, stucchi, specchi, smalti, incisioni in legno e finestre con grate,

Mercato-di-Rialto_02.jpg
il trono rappresentava il meglio dell'architettura iraniana. Il Trono di Marmo è situato nel mezzo della terrazza ed è fatto con il famoso marmo giallo della provincia di Yazd.
Mercato di Rialto_04.png
Sezione 3
Venice-A-10x10-100-dpi.jpg
Venice-SQ-E-20x20-100.jpg
Venice-SQ-D-20x20-100.jpg

Torna in questo posto

3

Teheran, Palazzo Golestan

Fath Ali Shah. 1797 d.C.

Vai al posto successivo

4

Shah Abbas I di Persia. 1619 d.C.

Isfahan, Moschea Sheikh Lotfollah

bottom of page